Avere una pelliccia nell’armadio che non utilizziamo può essere davvero uno spreco. Le pellicce sono comode, avvolgenti e in inverno sono una salvezza contro il freddo. Si tratta di capi costosi e di un certo livello, quindi non ha senso sbarazzarsene.

La cosa migliore da fare in questi casi è effettuare una rimessa a modello della pelliccia per poterla riutilizzare in una veste più moderna. Ma come si fa?

Come funziona la rimessa a modello di una pelliccia

Quando si sceglie di effettuare questo tipo di lavorazione spesso si scelgono pellicce che sono state ricevute in eredità o che esistono da tantissimi anni. Ciò che rende una pelliccia ormai obsoleta è il taglio, il colore e la lavorazione. Alcune pellicce possono essere davvero troppo lunghe e pesanti per poterle portare in questi tempi, quindi va eseguito un vero e proprio restyling. Prima di procedere con la rimessa a modello della pelliccia vanno valutati alcuni fattori come lo stato d’usura del pelo, il quantitativo di pellame utilizzabile, la tipologia.

Vanno fatte delle prove per capire come può essere il risultato finale e si cerca di capire se è il caso o meno di cambiare colore, perché bisognerà tingere la pelliccia. E’ essenziale prendere le misure della cliente in questione, così da realizzare un capo su misura che sia aderente al punto giusto. Solitamente le parti deboli di cuoio vengono tolte, mentre i pellami verranno rimessi a nuovo. E’ indispensabile fare varie prove prima di chiudere il capo, in modo da verificare se fa difetto da qualche parte.

Quando conviene effettuare una rimessa a modello della pelliccia

Non tutte le pellicce si possono rimettere a nuovo, prima di procedere è fondamentale affidarsi a qualcuno di esperto che ci dia i giusti consigli. A volte le pellicce possono essere così obsolete che è impossibile recuperarle, perché il materiale non è più buono. Altre volte è possibile procedere solo con certi tipi di lavorazione e altri invece no. Essendo che una lavorazione del genere può arrivare a prezzi piuttosto alti, è essenziale trovare un artigiano di fiducia che sia onesto.

Il risultato di una rimessa a modello di una pelliccia deve essere un capo alla moda, facilmente utilizzabile e duraturo. Quindi, in poche parole, conviene effettuare questo tipo di lavorazione quando la vecchia pelliccia non è troppo vecchia e se il nuovo capo sarà durevole nel tempo e soddisfa le nostre richieste.

Quanto costa la rimessa a modello di una pelliccia

Il costo di una rimessa a modello della pelliccia può variare in base allo studio a cui ci rivolgiamo. E’ bene però non fidarsi di artigiani che propongono prezzi troppo bassi perché spesso vuol dire che le materie prime non sono di qualità. Solitamente una lavorazione del genere si aggira attorno agli 800€, sia di visone che di volpe.

A volte nel prezzo può essere considerata la tintura ma a volte può non essere compresa. Per non ricevere sorprese è sempre consigliato richiedere un preventivo, così da farci un’idea sui costi. In generale il prezzo è giustificato dal fatto che si andranno ad effettuare molti trattamenti e si andrà a salvare un capo che ha comunque un’ottima qualità, ma che col tempo è diventato ormai obsoleto.

Come abbiamo visto, è possibile far rinascere una vecchia pelliccia in un capo completamente nuovo e più attuale. Questo ci permette di non buttare la pelliccia e quindi di non comprarne una nuova, per questo è anche una scelta sostenibile. Tramite la lavorazione di restyling sarà possibile rendere la pelliccia più alla moda, con un nuovo taglio e un colore che si addice di più ai nostri gusti.

Gli artigiani del settore sapranno darci le giuste indicazioni e consigli per ottenere un capo completamente autentico, più leggero e lucente. La rimessa a modello della pelliccia è una lavorazione che richiede tempo e tecnica, l’importante è rivolgersi a persone competenti.